Cold Storage per Bitcoin e Crypto: cosa sono e come funzionano

Pubblicato: Novembre 16, 2022 di Giancarla

Avete mai sentito parlare di cold storage per Bitcoin e criptovalute? Il cold storage è un modo per conservare offline i vostri Bitcoin e le vostre criptovalute e per tenere i vostri fondi al sicuro da hacker e ladri.

È possibile utilizzare il cold storage per qualsiasi somma di denaro, piccola o grande che sia. Inoltre, è davvero facile da installare: sono sufficienti alcuni materiali di base e un po’ di conoscenza in materia di portafogli di criptovalute.

Insomma, questo strumento è un must per tutti gli utenti di Bitcoin o criptovalute che vogliono tenere al sicuro i propri fondi.

Per approfondire tutto quello che c’è da sapere sul cold storage continua a leggere la nostra guida o approfondisci il tema della sicurezza e come gestire le proprie criptovalute con gli eBook gratuiti di LiquidityX.

Clicca qui per accedere subito alla formazione gratuita di LiquidityX

Cos’è un cold storage?

Con il termine cold storage (traduzione di conservazione a freddo) ci si riferisce alla conservazione offline di Bitcoin e delle criptovalute attraverso un dispositivo fisco.

I due Wallet Crypto di conservazione a freddo più comuni sono le unità USB e i portafogli di carta.

Sebbene entrambe le modalità sono in grado di tenere i Bitcoin e le criptovalute al riparo da attacchi di hacker o malware. In termini di praticità i sue sistemi sono nettamente diversi.

Un portafoglio cartaceo è la soluzione più elementare di conservazione a freddo per le criptovalute. Non è altro che una copia stampata delle chiavi pubbliche e private. Questa copia stampata può essere poi conservata in un luogo sicuro, come una cassaforte o una cassetta di sicurezza.

Un altro modo di pensare ai portafogli cartacei è come al denaro contante: una volta in possesso delle chiavi private, si ha il pieno controllo dei Bitcoin o delle criptovalute, che possono essere spesi in qualsiasi momento.

Un’unità USB invece è una soluzione di archiviazione a freddo leggermente più complessa ma anche più pratica per l’uso quotidiano, dato che è più facilmente collegabile a wallet e app di criptovalute.

Questa Tipologia di Portafoglio di criptovalute può memorizzare non solo le chiavi pubbliche e private, ma anche le transazioni di criptovalute

Ciò significa che è possibile utilizzare l’unità USB per accedere ai fondi di cold storage da qualsiasi luogo, a condizione che il dispositivo sia collegato a un computer.

Come funziona un cold Storage?

Con un Portafoglio Cold, potete stare tranquilli sapendo che il vostro denaro è conservato in modo sicuro offline e lontano dai pericoli. Ma come funziona?

Il cold storage è composto essenzialmente da due parti: un dispositivo fisco e un portafoglio di criptovalute.

Il dispositivo fisco, come abbiamo visto, può essere una chiavetta USB o un portafoglio cartaceo. Questo dispositivo memorizza le chiavi private necessarie per accedere ai fondi del cold storage.

Il portafoglio di criptovalute, invece, è il software che interagisce con la blockchain per inviare e ricevere Bitcoin o criptovalute. È anche attraverso questo software che vengono generate le chiavi private dei depositi a freddo.

Per impostare il cold storage, è sufficiente generare un nuovo portafoglio di criptovalute offline e poi trasferire le chiavi private sul dispositivo fisco. Una volta fatto questo, i fondi per la conservazione a freddo sono pronti per essere utilizzati.

Per spendere i fondi di cold storage, è sufficiente collegare il dispositivo fisco a un computer e utilizzare il software del portafoglio di criptovalute per accedere alla blockchain. Da qui sarà possibile inviare Bitcoin o criptovalute a qualsiasi altro indirizzo.

Perché usare il cold storage?

Ci sono molte ragioni per utilizzare il Wallet cold per proteggere i propri Bitcoin o altri tipi di criptovalute.

I 5 motivi più importanti che rendono i cold storage più sicuri ed interessanti rispetto ai Wallet crypto digitali sono:

  • Sicurezza: I dispositivi offline di cold storage non sono connessi a Internet, il che significa che sono molto meno vulnerabili agli attacchi degli hacker.
  • Controllo: Un wallet cold consente di tenere le chiavi private completamente sotto il proprio controllo. Questo non è il caso dei portafogli online, dove le chiavi private sono tipicamente conservate in un’unica soluzione posizione centralizzata (di solito server controllati dal fornitore del portafoglio).
  • Facilità di backup: È sufficiente conservare una copia delle chiavi private in un luogo sicuro. In questo modo, se il dispositivo di storage viene perso o danneggiato, è possibile continuare ad accedere ai fondi.
  • Privacy: Il cold storage offre anche un ulteriore livello di privacy. Se si utilizza un portafoglio online, le informazioni personali (come il nome e l’indirizzo) saranno associate agli indirizzi dei Bitcoin o delle criptovalute. Tuttavia, se si utilizza un wallet cold, queste informazioni non saranno accessibili a nessuno.
  • Costi: Questo strumento di conservazione online delle criptovalute è perfetto per gli investitori a lungo termine, dato che i costi sono molto bassi.

In definitiva il cold storage è un ottimo modo per tenere al sicuro i Bitcoin o le criptovalute. Seguendo i consigli di cui sopra, potrete essere certi che il vostro denaro sia ben protetto da potenziali rischi.

COLD STORAGE

Quali sono i diversi tipi di cold storage?

Quando si parla di conservazione del freddo, si possono utilizzare diversi tipi di dispositivi fisco. Le soluzioni di conservazione a freddo più diffuse sono 5 ed includono:

  1. Hardware Wallet
  2. Dispositivi USB
  3. Portafogli di carta
  4. Soundwallet
  5. Deep Cold Storage

Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuna di queste soluzioni di conservazione a freddo.

Hardware Wallet: Un portafoglio hardware è un dispositivo fisico che memorizza le chiavi private necessarie per accedere ai fondi di cold storage. I portafogli hardware sono considerati una delle soluzioni più sicure, in quanto non sono vulnerabili ad attacchi di hacker o malware.

Dispositivo USB: Anche un dispositivo USB può essere utilizzato per il cold storage. È sufficiente generare il portafoglio di storage offline e poi trasferire le chiavi private sul dispositivo USB. Una volta fatto questo, i fondi sono pronti per essere utilizzati. Le unità USB sono una delle soluzioni di archiviazione a freddo più diffuse. Sono molto comode da usare e possono essere facilmente portate in giro. Inoltre, sono relativamente economiche.

Portafoglio cartaceo: Un portafoglio cartaceo è una soluzione di cold storage che consiste in un pezzo di carta su cui sono stampati l’indirizzo del Bitcoin o della criptovaluta e la chiave privata. I portafogli cartacei sono considerati una delle soluzioni di più sicure, in quanto non sono vulnerabili agli attacchi degli hacker tuttavia, non sono accessibili e comodi da usare come le unità USB.

Soundwallet: Un soundwallet è una soluzione di cold storage che utilizza il suono per generare le chiavi private necessarie per accedere ai fondi. I soundwallet sono considerati molto sicuri, in quanto non sono vulnerabili agli attacchi degli hacker, ma possono essere un po’ difficili da usare.

Deep cold storage: Il deep cold storage è una soluzione che prevede la conservazione delle chiavi private in un luogo fisicamente sicuro, come una cassetta di sicurezza. Viene considerato come una delle soluzioni di storage offline più sicure, in quanto non è vulnerabile agli attacchi di hacker o malware. Tuttavia, può essere piuttosto difficile da configurare e utilizzare.

In conclusione

Il motivo principale per utilizzare il cold storage è quello di tenere i fondi in Bitcoin o criptovalute al sicuro dalle minacce online come hacker, ladri o truffe digitali.

Conservando le chiavi private offline, è molto più difficile che qualcuno possa rubare le vostre monete. Anche se un hacker dovesse mettere le mani sul vostro dispositivo, non sarebbe in grado di accedere ai vostri fondi senza le chiavi private.

Il cold storage è anche un buon modo per proteggere il vostro denaro dai portafogli software che possono essere vulnerabili al malware o ad altre minacce alla sicurezza. Mantenendo le chiavi private offline, potete essere certi che non saranno compromesse da alcun software dannoso.

Se l’attivazione e la gestione di un cold storage vi appare troppo difficile o poco adatta alle vostre necessità è possibile selezionare una piattaforma per criptovalute sicura come quella di LiquidityX ed iniziare a fare trading sulle criptovalute con i CFD.

In questo modo non dovrete preoccuparvi della sicurezza delle vostre criptovalute, dato che non non le possedete davvero, ma avrete la possibilità di beneficiare delle loro variazioni di prezzo.

La Metatrader LiquidityX offre inoltre un’elevata leva finanziaria e spread bassi, ma anche la possibilità di accedere a segnali di trading affidabili e gratuiti in modo da poter entrare a mercato nel momento migliore e massimizzare i vostri profitti.

La piattaforma è disponibile anche in modalità demo.

Clicca qui per creare il tuo conto di trading su LiquidityX

FAQ

Che cos’è un cold storage e perché utilizzarlo?

Il cold storage è un modo per conservare Bitcoin o criptovalute offline, in un luogo fisicamente sicuro. Il motivo principale per cui si ricorre a questi wallet è quello di tenere i fondi al sicuro dalle minacce online, come hacker e ladri.

Qual è la soluzione di cold storage più sicura?

La soluzione più sicura è il deep cold storage, che prevede la conservazione delle chiavi private in un luogo fisicamente sicuro, come una cassetta di sicurezza. Tuttavia non è la soluzione più pratica ne la più economica.

I Cold Storage sono gratuiti?

No, di solito le soluzioni di conservazione a freddo comportano dei costi, come il costo di un dispositivo USB o di una cassetta di sicurezza.

Posso conservare tutti i miei Bitcoin in un Cold Storage?

Non è consigliabile conservare tutti i Bitcoin in un cold wallet. In genere si consiglia di conservare solo una piccola parte dei fondi totali in un portafoglio cold, mentre il resto viene conservato in un portafoglio digitale per facilitarne l’accesso.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Controlla anche

tipologie di trading

Tipologie di trading: guida ai 10 tipi di trading più usati

Pubblicato: Dicembre 3, 2022 di GiancarlaLe tipologie di trading sono un sistema di classificazione che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *