Cos’è la DeFi? Guida per principianti alla finanza decentralizzata

La finanza decentralizzata, o DeFi, è simile ma distinta dalle criptovalute come il Bitcoin (BTC). Nello specifico, tutte le soluzioni finanziarie rese possibili dalla tecnologia blockchain decentralizzata sono definite DeFi. In particolare, la blockchain di Ethereum (ETH) e tutte le criptovalute basate su di essa sono particolarmente legate alla DeFi.

La tecnologia DeFi genera denaro decentralizzato ed elimina la necessità di banche centrali sotto il potere del governo per produrre e gestire le valute. Inoltre, la tecnologia DeFi può offrire un’ampia gamma di applicazioni aggiuntive per i servizi finanziari basati sulla blockchain. Questa tecnologia viene infatti utilizzata dalle imprese fintech per fornire assicurazioni, compravendita di azioni, conti di risparmio, prestiti e molto altro ancora.

Nel corso di questa guida per principianti vedremo tutto quello che c’è da sapere a riguardo e come investire nel settore della finanza decentralizzata. Sul broker regolamentato eToro, ad esempio, con un deposito minimo di circa 50 euro potrete investire in tutti i principali asset (criptovalute, azioni, ETF, ecc.) legati alla DeFi. Più avanti vi spiegheremo tutti i passaggi da seguire ma intanto se lo desiderate potete provare il broker tramite conto demo gratuito:

Clicca qui per iscriverti subito a eToro e accedere al conto demo

Cos’è: Sistema finanziario sperimentale
Token DeFi: Dai (DAI), Uniswap (UNI)
💻Come investire: Acquistando criptovalute DeFi
🥇Piattaforma suggerita: eToro
📈Livello di rischio: Elevato
DeFi overview

Cos’è la finanza decentralizzata (DeFi)?

Analizziamo subito il significato di “DeFi”. La finanza decentralizzata, o DeFi, è un particolare tipo di sistema finanziario che non dipende da istituzioni finanziarie centralizzate, come banche, borse o broker, ma che utilizza la tecnologia blockchain. I sistemi DeFi utilizzano “smart contract” (contratti intelligenti) su blockchain come Ethereum per raggiungere il consenso distribuito. I contratti intelligenti sono creati dagli sviluppatori per svolgere compiti specifici solo in determinate circostanze.

Come funziona la DeFi?

Cerchiamo di capire come funziona la DeFi con un esempio: si potrebbe costruire un contratto intelligente che promette di pagare 100 euro a qualcun altro se la Juventus dovesse vincere il campionato quest’anno. Tutti i membri della rete possono vedere e leggere il codice una volta pubblicato sulla blockchain, ma nessuno può apportarvi modifiche.

I contratti intelligenti sono spesso alla base delle applicazioni decentralizzate, o “dapps”, applicazioni che non sono di proprietà o gestite da un’unica azienda o individuo. Anche altre piattaforme blockchain utilizzano i contratti intelligenti, ma Ethereum è stato il primo a crearli.

In sostanza, la DeFi consente a due parti di condurre affari in modo sicuro e diretto senza coinvolgere un intermediario o un’autorità centralizzata. Il vantaggio principale è che molte più persone possono così accedere ai servizi finanziari a costi inferiori o ricevere tassi di interesse migliori rispetto a quelli offerti dalle istituzioni finanziarie tradizionali come le banche.

Tra le applicazioni DeFi più diffuse vale la pena menzionare le seguenti:

  • Stablecoin
  • Exchange decentralizzati
  • Mutui e prestiti

Stablecoin

Lo sviluppo delle stablecoin, criptovalute il cui prezzo è ideato per essere ancorato ad un asset di riferimento, è stato uno degli utilizzi iniziali della DeFi. Le stablecoin sono considerate eccellenti per effettuare acquisti di routine, perché sono molto meno volatili rispetto alle altre criptovalute.

DAI (DAI) è un esempio di stablecoin. La criptovaluta è emessa da MakerDAO, un progetto open-source della rete Ethereum, ed è legata al dollaro USA. Ether, il token nativo di Ethereum, funge da garanzia. Ether sovracollateralizza intenzionalmente DAI, consentendo al valore di DAI di rimanere costante nonostante le variazioni del valore di Ether.

Un’altra stablecoin nota è USD Coin (USDC), ma a differenza di DAI, la sua garanzia è centralizzata. La riserva di dollari USA utilizzata per sostenere le stablecoin USDC è conservata in un conto bancario sottoposto a revisione.

Potrete trovare entrambe le crypto sulle migliori piattaforme per criptovalute come eToro.

Exchange decentralizzati

Nonostante la natura decentralizzata delle criptovalute, alcuni exchange, come Coinbase o Binance, fungono da piattaforme centralizzate per collegare acquirenti e venditori di criptovalute. Gli smart contract sono invece utilizzati dagli exchange decentralizzati (DEX) per svolgere le funzioni degli exchange centralizzati.

I contratti intelligenti forniscono un prezzo per ogni controparte che è pari o vicino al tasso di mercato. Utilizzando un DEX, entrambe le parti possono mantenere il controllo completo sulle proprie disponibilità individuali di criptovalute, invece di conservarle in un wallet gestito da un exchange centralizzato che potrebbe essere soggetto a hacking. Inoltre, in alcuni mercati, gli utenti dei DEX che forniscono criptovaluta per creare liquidità possono guadagnare condividendo i costi della transazione.

Nonostante l’utilizzo della DeFi da parte dei DEX, ricordiamo ai nostri lettori che l’utilizzo degli exchange decentralizzati è fortemente sconsigliato agli utenti principianti.

Mutui e prestiti

I servizi di prestito e di erogazione mutuo sono tra le applicazioni più convenzionali rese possibili dalla DeFi e sono accessibili agli utenti che hanno deciso di investire in criptovalute. Coloro che possiedono una quantità significativa di criptovalute e desiderano accedere alla liquidità in altre valute possono prendere in prestito denaro dando in garanzia le loro criptovalute.

Gli individui possono trarre profitto dagli aumenti di valore delle loro criptovalute senza innescare eventi imponibili, prestando i loro depositi per ottenere interessi dai mutuatari. Le dapps che consentono questo prestito decentralizzato sono costruite con tassi di interesse che fluttuano automaticamente in risposta alle variazioni della domanda e dell’offerta di criptovalute.

Come investire nella DeFi?

Gli investimenti nella DeFi possono essere effettuati in diversi modi. Il modo più semplice, che vi espone alla DeFi in generale, è quello di acquistare Ethereum o un’altra criptovaluta che fa uso della tecnologia DeFi tramite una piattaforma regolamentata.

La nostra piattaforma preferita è eToro in quanto regolamentata, molto semplice da utilizzabile ed accessibile anche ai principianti che desiderano investire piccole somme. Con un deposito minimo di circa 50 euro avrete infatti accesso non solo a tutte le principali criptovalute DeFi ma anche alle azioni, agli ETF ed ai CFD legati alla finanza decentralizzata.

Per investire nella DeFi su eToro dovrete:

  1. Registrarvi gratuitamente al broker
  2. Fare eventualmente pratica con il conto demo e consultare il corso criptovalute disponibile gratuitamente sulla piattaforma
  3. Depositare l’importo minimo di $50 tramite carta di credito/debito, bonifico o eWallet
  4. Cercare la criptovaluta DeFi che desiderate acquistare
  5. Scegliere quanto denaro investirci e convalidare l’operazione

Clicca qui per iscriverti subito a eToro

Iscrivendovi a eToro avrete anche la possibilità di copiare le operazioni dei migliori trader grazie alla funzione Copy Trading e di accedere ad una delle migliori app per criptovalute sul mercato. Con il conto demo potrai esplorare tutte queste funzionalità gratuitamente:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Quali sono le critpovalute DeFi?

    Come abbiamo visto nel paragrafo precedente, acquistare token legati al settore della finanza decentralizzata è il modo più diretto per investire nella DeFi. Nessuno può stabilire con certezza quali siano le migliori criptovalute da comprare ma sicuramente i progetti della DeFi elencati qui di seguito sono i più apprezzati sul mercato.

    Migliori criptovalute della DeFi su cui investire:

    • Ether (ETH)
    • Uniswap (UNI)
    • Chainlink (LINK)
    • Aave (AAVE)
    • Compound (COMP)
    • Yearn.finance (YFI)
    • Decentraland (MANA)
    • Polygon (MATIC)
    • Algorand (ALGO)
    • Basic Attention Token (BAT)
    • Maker (MKR)

    Sul broker eToro potrete acquistare tutte queste criptovalute a partire da un deposito minimo di circa 50 euro, investire nel loro CFD o in alternativa sottoscrivere un portafoglio interamente dedicato alla finanza decentralizzata che contiene tutte queste crypto. Per sottoscrivere questo portafoglio realizzato da eToro è necessario un deposito minimo di $500.

    Clicca qui per iscriverti subito a eToro

    Perché utilizzare la DeFi?

    Indipendentemente da ciò che si vuole ottenere, utilizzare una piattaforma DeFi piuttosto che un tipico istituto finanziario può presentare una serie di vantaggi. La DeFi viene utilizzata soprattutto per i seguenti scopi:

    • Commissioni basse e maggiori tassi d’interesse: La DeFi consente a due parti di effettuare transazioni direttamente applicando costi bassi e tassi di interesse elevati. Senza intermediari, i costi di transazione sono notevolmente ridotti e le parti possono negoziare direttamente i tassi di interesse. In genere, le reti DeFi offrono ai mutuatari tassi d’interesse notevolmente più elevati rispetto agli istituti bancari tradizionali.
    • Accessibilità: Molte persone hanno difficoltà ad ottenere prestiti e mutui dalle banche, mentre chiunque abbia accesso a Internet può utilizzare una piattaforma DeFi a tale scopo. Grazie all’elevato livello di accessibilità, le transazioni della DeFi possono avvenire ovunque nel mondo.
    • Maggiore sicurezza e trasparenza: Tutti i record delle transazioni e i contratti intelligenti pubblicati su una blockchain sono accessibili al pubblico. Poiché le blockchain sono immutabili, non possono essere alterate. La tecnologia blockchain offre dunque trasparenza e sicurezza agli utenti della piattaforma DeFi ed i contratti intelligenti vengono eseguiti in modo da proteggere la privacy degli utenti della piattaforma. Il nome reale dell’utente è nascosto nei dati delle transazioni resi disponibili al pubblico.
      Autonomia strutturale: Le piattaforme DeFi hanno una completa indipendenza funzionale da qualsiasi istituto bancario centralizzato. Il crollo finanziario del 2008 ha reso evidenti i rischi associati ai sistemi centralizzati e ha messo in luce la sostanziale interdipendenza della maggior parte delle banche e dei governi. Le singole istituzioni finanziarie che detengono il vostro denaro possono incontrare difficoltà, frodi o corruzione, oppure possono anche arrivare a fallire. Non a caso, è proprio in questo contesto che è nata Bitcoin, la crypto più famosa al mondo.

    La DeFi è sicura?

    Dato che la tecnologia DeFi è così giovane, così come il settore del Metaverso o degli NFT, di tanto in tanto si verificano effetti spiacevoli. Le startup basate sulla tecnologia DeFi possono fallire e gli errori di programmazione possono portare a possibilità di guadagno per gli hacker. Se un progetto DeFi in cui avete investito o in cui avete depositato del denaro fallisce, potreste perdere tutto il vostro denaro.

    I depositi presso le tradizionali istituzioni finanziarie centralizzate sono generalmente assicurati mentre le piattaforme DeFi di solito non offrono alcuna possibilità di recupero del denaro. I consumatori possono rivolgersi agli organi competenti se una transazione finanziaria tradizionale va male, ma se sono vittime di una transazione fraudolenta della DeFi, non hanno alcun rimedio.

    È interessante notare che un diverso tipo di programma DeFi sta diventando accessibile per superare queste carenze. A coloro che cercano un modo per salvaguardarsi dalle perdite di altri contratti smart viene offerta un’assicurazione decentralizzata, prodotta da individui che mettono in comune il loro denaro come garanzia. I premi pagati dagli assicurati sono raccolti dagli individui che contribuiscono ai pool di criptovaluta.

    Nonostante ciò, ricordiamo che per i principianti il modo migliore e più affidabile per investire nella DeFi è quello di farlo tramite le piattaforme centralizzate come eToro, su cui potrete investire in criptovalute, azioni ed ETF legati al settore della finanza decentralizzata senza il rischio di hacking o di transazioni fraudolente.

    Clicca qui per iscriverti subito a eToro

    DeFi

    Conclusioni

    Nel corso dell’articolo abbiamo visto nel dettaglio cos’è la finanza decentralizzata, come funziona e quali sono i suoi pro/contro. Il modo più semplice per investire nel settore DeFi è sicuramente quello di acquistare le criptovalute aventi un progetto legato alla finanza decentralizzata su di una piattaforma regolamentata come eToro.

    I principianti non dovrebbero mai investire più di quello che sono disposti a perdere e destinare agli investimenti più rischiosi, come le criptovalute, solo una piccola percentuale del portafoglio.

    FAQ

    Cos’è la DeFi?

    La finanza decentralizzata, o DeFi, è un particolare tipo di sistema finanziario che non dipende da istituzioni finanziarie centralizzate, come banche, borse o broker, ma che utilizza la tecnologia blockchain.

    Come investire nella DeFi?

    Il modo più semplice per investire nel settore DeFi è sicuramente quello di acquistare le criptovalute aventi un progetto legato alla finanza decentralizzata su di una piattaforma criptovalute regolamentata.

    Click to rate this post!
    [Total: 0 Average: 0]

    Controlla anche

    migliori app trading criptovalute

    Migliori app per criptovalute: Guida completa alle applicazioni

    Le criptovalute sono diventate molto più accessibili per l’investitore medio dopo la loro recente ascesa …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.