Come investire in ETF: Guida completa per principianti 2022

Investire in ETF è la cosa migliore che un investitore alle prime armi possa fare. Questo perché gli ETF sono strumenti poco complessi e non particolarmente rischiosi se inseriti all’interno di un portafoglio diversificato.

Gli Exchange-traded funds, o ETF, sono dunque un ottimo sistema per iniziare ad investire. Questi strumenti sono infatti diventati famosi perché consentono di investire su interi mercati finanziari con un unico strumento. Inoltre hanno commissioni decisamente più convenienti di qualunque altro strumento finanziario.

Ecco dunque un articolo con tutto quello che dovreste sapere sugli ETF, come funzionano, come comprarli e cosa fare dopo averli acquistati.

Sul broker XTB, uno dei migliori ETF broker, potrete acquistarli senza commissioni di negoziazione. Ad esempio, 50-250 euro mensili investiti in un ETF dello S&P 500 sono un’ottima base da cui partire.

Clicca qui per provare subito la Demo di XTB

 

❓Strumento: ETF
🔍 Dove investire: Broker online
🥇 Migliori broker: XTB, eToro, DEGIRO
😀  Adatto a: Tutti
📈 Livello di rischio: Basso/medio

ETF: Cosa sono?

Un ETF è un particolare tipo di fondo comune d’investimento, quotato in Borsa, che permette agli investitori di acquistare molte azioni o obbligazioni contemporaneamente. Gli investitori acquistano una quota dell’ETF ed il denaro viene utilizzato per investire secondo un determinato obiettivo.

Ad esempio, se acquistate un ETF S&P 500, i vostri soldi saranno investiti nelle 500 società dell’indice.

Qual è la differenza tra ETF e fondi comuni d’investimento?

Una domanda comune è in che modo gli ETF differiscono dai fondi comuni di investimento, poiché il principio di base è lo stesso. La differenza chiave fra questi due tipi di investimento è come comprate e vendete le quote.

I fondi comuni di investimento hanno un prezzo che cambia una volta al giorno, e di solito si può investire anche solo un euro. I fondi comuni di investimento possono essere acquistati tramite un’intermediazione o direttamente dall’emittente, ma il punto cruciale è che l’operazione non è istantanea.

Gli ETF invece negoziano proprio come le azioni sui principali mercati come il NYSE o il Nasdaq. Invece di investire un importo, si sceglie il numero di azioni che si desidera acquistare. Poiché si comportano come le azioni, i prezzi degli ETF fluttuano continuamente durante tutto il giorno di negoziazione, ed è possibile acquistare azioni degli ETF ogni volta che il mercato azionario è aperto.

Gli ETF sono considerati come investimenti sicuri e molto apprezzati dai principianti.

Come funzionano gli ETF? Le basi da cui partire

Prima di andare oltre, ci sono alcuni concetti che è necessario conoscere prima di acquistare il vostro primo ETF.

  • ETF passivi vs. attivi: di base esistono due tipi di ETF. Gli ETF passivi (noti anche come fondi indicizzati) replicano semplicemente un indice azionario, come lo S&P 500. Gli ETF attivi assumono invece dei gestori di portafoglio per investire il denaro. La differenza chiave è la seguente: gli ETF passivi vogliono eguagliare la performance di un indice, gli ETF attivi vogliono battere la performance di un indice.
  • Rapporto di spesa del fondo: gli ETF addebitano delle commissioni, ovvero un rapporto di spesa. elencato come percentuale annuale. Per esempio, un rapporto di spesa dell’ 1% significa che pagherete 10 euro di tasse per ogni 1.000 euro investiti. A parità di altre condizioni, più basso è il rapporto di spesa e più risparmierete denaro.
  • Dividendi e DRIPs: la maggior parte degli ETF paga dividendi. Potete scegliere di farvi pagare i vostri dividendi in contanti, oppure potete scegliere di farli reinvestire automaticamente attraverso un piano di reinvestimento dei dividendi (DRIPs).

ETF Commissioni

Se comprate gli ETF in un conto standard tramite le migliori piattaforme di trading online, dovreste sapere che potrebbero generare un reddito imponibile. Tutti i profitti che otterrete dalla vendita di un ETF saranno tassati in base alle regole fiscali e tutti i dividendi che riceverete saranno tassabili.

La maggior parte dei broker non funge da sostituto d’imposta e dunque dovrete rivolgervi al vostro commercialista di fiducia per la dichiarazione dei redditi a fine anno.

Per quanto riguarda le commissioni di negoziazione, i broker come XTB o DEGIRO, non applicano commissioni di negoziazione.

Quanto denaro serve per investire in ETF?

Gli ETF non hanno requisiti minimi di investimento, almeno non nello stesso senso dei fondi comuni di investimento. Gli ETF negoziano per azione, quindi a meno che il vostro broker non offra la possibilità di acquistare azioni frazionate, avrete bisogno almeno del prezzo corrente di un’azione per iniziare. Se ad esempio desiderate investire in 5 azioni Apple ed un azione Apple costa 120 euro, dovrete pagare 600 euro.

La maggior parte degli utenti inizia investendo 50-250 euro al mese in un ETF dello S&P 500 o in un ETF UCITS.

Investire in ETF: Pro e Contro

Vediamo adesso i principali pro e contro dell’investimento in ETF.

ETF Vantaggi

  • Gli ETF forniscono esposizione a una grande varietà di asset (titoli, obbligazioni, ed altre attività come il Metaverso), in genere con una spesa minima.
  • Consentono agli investitori di eguagliare le prestazioni del mercato nel corso del tempo.
  • Gli ETF sono più liquidi (facili da acquistare e vendere) rispetto ai fondi comuni di investimento. I broker online semplificano inoltre l’acquisto o la vendita degli ETF, basterà un semplice click del mouse.
  • Investire in obbligazioni individuali può essere estremamente complicato, ma un ETF obbligazionario può rendere molto più semplice la gestione della componente di reddito fisso del vostro portafoglio.

ETF Svantaggi

  • Dal momento che gli ETF comprendono un assortimento diversificato di titoli azionari, non hanno lo stesso potenziale di rendimento dell’acquisto di singoli titoli azionari.
  • Gli ETF sono spesso a basso costo, ma non sono privi di commissioni. Se acquistate un portafoglio di azioni individuali da soli, non dovrete pagare alcuna commissione di gestione.

Altre opzioni di investimento

Azioni Le azioni sono investimenti nel successo futuro di una società. Quando si investe nelle azioni di un’azienda, si ottiene profitto se la società ottiene profitto.
Obbligazioni Proprio come il prestito di denaro è parte della vita di ogni giorno per la maggior parte delle persone, anche le aziende e i comuni prendono in prestito denaro utilizzando obbligazioni.
Fondi Sono dei fondi comuni d’investimento che a differenza degli ETF non sono necessariamente quotati in Borsa.
Indici Gli indici sono la sintesi del valore di un paniere di azioni, possono aiutare a bilanciare il vostro portafoglio.
CFD I CFD sono strumenti che replicano l’andamento dell’asset sottostante. 

Passi da fare per investire in ETF

  1. Registrati gratuitamente ad un broker.
  2. Scegli il tuo primo ETF.
  3. Lascia che l’ETF faccia il suo lavoro.

Primo passo: Registrati gratuitamente ad un broker per investire in ETF

Avrete bisogno di un conto di intermediazione prima di poter acquistare o vendere ETF. La maggior parte dei broker online consente di investire in ETF senza commissioni, quindi il costo non è una considerazione importante.

La cosa migliore da fare è confrontare le caratteristiche e le piattaforme di ogni broker. Nella tabella seguente abbiamo raccolto quelle che secondo noi sono le migliori piattaforme di trading online per investire in ETF.

Su tutti questi broker è possibile investire in ETF tramite i CFD, i broker XTB ed eToro consentono anche l’acquisto di ETF reali con la formula Zero Commissioni.

La registrazione è sempre gratuita e tutte le piattaforme sono sperimentabili tramite account Demo, dunque il nostro consiglio è di testarle e decidere voi stessi qual è la più adatta a voi. 

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita
  • Corso Gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma MT5
  • Zero commissioni
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Secondo passo: Scegli il tuo primo ETF

    Una volta registrati alla piattaforma di trading, dovrete solo scegliere con un click su quale ETF investire.

    Per i principianti, i fondi indicizzati a gestione passiva sono generalmente il modo migliore per iniziare. I fondi indicizzati sono più economici degli ETF, ed inoltre i fondi gestiti attivamente generalmente non battono il loro indice di riferimento nel tempo.

    Nel prossimo paragrafo vedremo dunque quali sono i migliori ETF su cui investire.

    Terzo Passo: Lascia che l’ETF faccia il suo lavoro

    È importante tenere a mente che gli ETF sono generalmente progettati per essere investimenti esenti da manutenzione, non dovrete fare praticamente nulla dopo averli comprati.

    Gli investitori più inesperti tendono ad avere la cattiva abitudine di controllare i loro portafogli troppo spesso e di avere reazioni troppo emotive ed impulsive ai principali movimenti di mercato.

    Chi investe in fondi non deve guardare alle oscillazioni di breve periodo ma deve concentrarsi sul lungo periodo e dunque evitare l’eccessiva negoziazione. Una volta acquistate le azioni di alcuni dei maggiori ETF, il consiglio migliore che possiamo darvi è quello di mantenere gli ETF nel portafoglio e lasciargli fare il loro lavoro, ovvero produrre un’eccellente crescita degli investimenti nel lungo periodo.

    Come investire in ETF

    Top 10 migliori ETF da comprare

    1. Vanguard S&P 500 ETF (NYSEMKT:VOO): aziende U.S. a grande capitalizzazione di mercato
    2. Schwab U.S. Mid-cap ETF (NYSEMKT:SCHM): aziende U.S. a media capitalizzazione di mercato
    3. Vanguard Russell 2000 ETF (NYSEMKT:VTWO): aziende U.S. a bassa capitalizzazione di mercato
    4. Schwab U.S. Aggregate Bond ETF (NYSEMKT:SCHZ): obbligazioni di tutte le diverse varietà e lunghezze di scadenza
    5. Vanguard Total World Bond Fund (NASDAQ: BNDW): include obbligazioni americane e non, di varie lunghezze e scadenze
    6. Invesco QQQ Trust (NASDAQ: QQ): replica l’indice Nasdaq-100, ideale per investire in azioni tech e growth
    7. Schwab International Equity ETF (NYSEMKT:SCHF): grandi aziende non statunitensi
    8. Schwab Emerging Markets Equity ETF (NYSEMKT:SCHE): società di paesi in via di sviluppo
    9. Vanguard High-Dividend ETF (NYSEMKT:VYM): titoli che pagano dividendi superiori alla media
    10. Schwab U.S. REIT ETF (NYSEMKT:SCHH): trust di investimento immobiliare.

    A questa top 10 possiamo poi aggiungere anche i seguenti ottimi ETF:

    • SPDR S&P 500 ETF Trust (SPY)
    • Invesco QQQ Trust (QQQ)
    • Financial Select Sector SPDR Fund (XLF)
    • Energy Select Sector SPDR Fund (XLE)
    • Vanguard Total Stock Market Index Fund (VTI)
    • iShares MSCI Emerging Markets ETF (EEM)

    Tutti questi ETF sono tra i più economici del settore e dunque perfetti per i trader alle prime armi! Vanno sempre valutati in base agli altri asset presenti nel proprio portafoglio.

    FAQ

    Cosa sono gli ETF?

    Un ETF è un particolare tipo di fondo comune d’investimento, quotato in Borsa, che permette agli investitori di acquistare molti titoli o obbligazioni contemporaneamente. Gli investitori acquistano una quota dell’ETF ed il denaro viene utilizzato per investire secondo un determinato obiettivo. Ad esempio, se acquistate un ETF S&P 500, i vostri soldi saranno investiti nelle 500 società dell’indice.

    Qual è la differenza tra fondi indicizzati e ETF?

    I fondi indicizzati, a differenza degli ETF, non sono necessariamente quotati in Borsa. La maggior parte dei broker online consente di investire in ETF ma non in fondi.

     

     

     

     

     

    Click to rate this post!
    [Total: 0 Average: 0]

    Di Giulia M.

    Laureata in economia aziendale e management con esperienza pluriennale all'interno del settore finanziario.

    Controlla anche

    Forex Trading online

    Forex Trading Online: Come investire nel mercato valutario 2022

    Ogni giorno, un numero crescente di nuovi operatori inizia ad operare per la prima volta …

    2 Commenti

    1. Grazieeee! Cercavo da tempo un articolo così chiaro

    2. Ottimo articolo, non avevo mai ben capito la differenza tra ETF e fondi indicizzati ed in questo articolo la spiega in modo molto chiaro ed esaustivo. Avendo poco tempo a disposizione da dedicare al trading ho seguito il vostro consiglio di comprare ETF su eToro, devo dire che sono soddisfattissimo! È stato semplicissimo e adesso non devo fare nulla

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.