Vendita allo Scoperto: Cos’è e come funziona lo Short Selling

Pubblicato: 19 Maggio 2023 di Giulia M.

La vendita allo scoperto (o short selling o vendita a nudo) consiste in un’operazione finanziaria di tipo speculativo in cui vengono venduti dal venditore degli asset non realmente posseduti ma presi in prestito dietro il versamento di un corrispettivo in denaro al broker.

L’obiettivo di chi effettua questo tipo di operazione è quello di ottenere un profitto in seguito ad un movimento borsistico ribassista nel breve periodo.

In questo articolo vedremo cos’è e come funziona la vendita allo scoperto, mettendone in luce vantaggi e rischi associati. Sulla maggior parte dei broker online, questo tipo di operazione finanziaria viene eseguita mediante i contratti derivati.

QUAL È IL PRIMO PASSO?

Su eToro, per esempio, potrete effettuare lo short selling ed ottenere un potenziale profitto anche quando il mercato è al ribasso mediante l’utilizzo dei CFD.

Con un deposito minimo di soli $50 avrete accesso ad una vastissima quantità di CFD SHORT su azioni, ETF, Forex, materie prime, indici e criptovalute, e potrete anche copiare le vendite allo scoperto dei migliori investitori grazie al Copy Trading.

Clicca qui per provare subito lo short selling in Demo su eToro

Adatto a: Trader Intraday
📈 Livello di rischio: Elevato
💰 Budget necessario: Basso
💻 Dove investire: Broker online
👍 Utilizzi: Speculazione, hedging
Vendita allo scoperto (short selling)

Che cosa significa vendita allo scoperto

La Vendita allo scoperto è una strategia d’investimento usata per trarre profitto da un prezzo dell’asset che si muove verso il basso e consiste nel vendere un titolo, ad esempio un’azione, prima di possederlo.

Con la vendita allo scoperto, gli investitori prendono in prestito degli asset, generalmente delle azioni, da una società di intermediazione (broker online) e li vendono immediatamente, nella speranza di ricomprarle più tardi ad un prezzo inferiore.

Se la vendita allo scoperto ha successo, le azioni vengono acquistate a quel prezzo inferiore, restituite all’intermediario e l’investitore si tiene la differenza di prezzo come profitto (meno i costi di transazione).

Questa tipologia di operazione è nota anche come Short selling, shorting o short trading è una strategia di trading rischiosa ma potenzialmente redditizia, che permette di guadagnare dal calo dei mercati.

La chiave del successo delle vendite allo scoperto è la ricerca accurata e il monitoraggio dell’andamento del titolo ed è altrettanto importante essere consapevoli dei rischi associati all’assumere posizioni corte su azioni o altri asset, in previsione di un calo dei loro prezzi.

Come funziona la vendita allo scoperto?

Quando si vende allo scoperto, si prende in prestito un’attività dal proprio broker (o da un altro investitore) e poi la si vende sul mercato aperto al prezzo di mercato corrente.

Dovete restituire l’asset preso in prestito al suo proprietario quando questi lo richiede o quando decidete di chiudere la vostra posizione corta.

L’aspettativa è che, shortando un titolo, il suo valore diminuisca nel tempo, consentendovi di acquistarlo a un prezzo più basso.

Dal punto di vista operativo la pratica di Short Selling si articola in 5 fasi distinte:

  • Fase 1: identificazione di un’opportunità di vendita allo scoperto – Per vendere allo scoperto, è necessario identificare un titolo che si ritiene possa scendere nel breve termine. A tal fine, è possibile effettuare ricerche sull’azienda e osservare eventuali segnali di allarme, come numeri deboli, cambiamenti nel management o indicazioni sulla concorrenza
  • Fase 2: prendere in prestito il titolo – Una volta individuata l’opportunità di vendita allo scoperto, è necessario prenderla in prestito da qualcun altro prima di poter iniziare a operare. Ciò significa che dovete trovare qualcuno disposto a prestare le proprie azioni con la promessa di restituirle in un secondo momento più il pagamento degli interessi
  • Fase 3: Vendere allo scoperto – Una volta preso in prestito il titolo, è possibile venderlo allo scoperto. Ciò significa che vendete il titolo a un prezzo superiore al suo valore nel breve periodo, prevedendo di riacquistarlo a un prezzo inferiore quando il mercato scende
  • Fase 4: monitorare la vendita allo scoperto – Non appena si vende allo scoperto, è necessario iniziare a monitorare la sua performance. Se la vendita allo scoperto va a buon fine e il titolo scende di valore, allora guadagnerete da questa operazione. Tuttavia, se il prezzo del titolo sale invece di scendere, dovrete affrontare delle perdite
  • Fase 5: chiudere la posizione short – Quando si è pronti a chiudere la posizione short, è necessario riacquistare lo stesso numero di azioni che avete shortato, al prezzo di mercato attuale. In questo modo, tutte le posizioni short saranno chiuse e non si potranno subire ulteriori perdite

Vendita allo scoperto Esempio

Cerchiamo di comprendere come funziona la vendita allo scoperto mediante un esempio pratico. Poniamo che un investitore di nome Marco abbia fatto ricerche sulla società X per mesi e creda che il prezzo delle azioni stia per scendere. Marco decide di vendere allo scoperto 1.000 azioni al prezzo attuale. Talvolta determinati broker potrebbero richiedere l’apertura di un conto a margine diverso dal conto di base.

La vendita allo scoperto funziona nel seguente modo:

  • Marco prende in prestito 1.000 azioni della società X dalla sua piattaforma di trading (supponendo che tali azioni siano idonee e disponibili).
  • Vende immediatamente le azioni al prezzo corrente, diciamo di $10 per azione, e i $10.000 (meno i costi) ricevuti dalla vendita vengono messi nel suo conto come garanzia per le azioni prese in prestito. Marco sa inoltre che potrebbe dover aggiungere fondi al suo conto per coprire le possibili fluttuazioni del mercato.
  • Marco aspetta.

A questo punto, ci sono tre possibili scenari. Il prezzo delle azioni potrebbe salire, scendere o rimanere più o meno lo stesso. Alla fine, indipendentemente dallo scenario, Marco dovrà riacquistare le azioni sul mercato per restituirle al suo broker. Analizziamo nel dettaglio i tre possibili risultati:

  • Il prezzo sale: Questo sarebbe lo scenario peggiore. Marco ha venduto le azioni prese in prestito a 10 dollari per azione, ma supponiamo che il prezzo delle azioni è ora salito a 13 dollari per azione. Per riacquistare le azioni da restituire al suo broker, Marco dovrebbe pagare 13.000 dollari più i costi, o 3 dollari ad azione in più rispetto a quando le ha prese in prestito. Indubbiamente questa non sarebbe considerata una vendita allo scoperto di successo. Oltre a questo, Marco potrebbe trovarsi di fronte a una chiamata a margine, il che significa che gli verrebbe richiesto di depositare ulteriori fondi sul suo conto per coprire qualsiasi mancanza.
  • Il prezzo rimane lo stesso: In questo caso, Marco dovrà decidere se continuare a vendere allo scoperto le azioni o chiudere la posizione con un costo minimo. Gli interessi e i pagamenti dei dividendi (nel caso delle azioni) continueranno a maturare fino a quando lui non andrà allo scoperto, quindi Marco continuerà a vendere allo scoperto solo se crede che ci sia ancora il potenziale per il suo prezzo di scendere.
  • Il prezzo scende: Questo è lo scenario migliore. Marco ha venduto le sue azioni prese in prestito a 10 dollari ciascuna, ma il prezzo delle azioni è ora di 7 dollari per azione. Può dunque riacquistare le azioni, restituirle al suo broker e tenere la differenza, in questo caso 3 dollari ad azione, o 3.000 dollari, meno gli interessi, le commissioni e qualsiasi pagamento di dividendi. Questo sarebbe uno short selling di successo (se pensa che il prezzo delle azioni continuerà a scendere, avrà anche l’opzione di aspettare).

Come vendere allo scoperto

Come anticipato, la maggior parte dei broker consente di vendere allo scoperto mediante l’utilizzo dei CFD. I CFD, acronimo di contratti per differenza, sono dei contratti derivati con cui è possibile investire su un asset sottostante (azioni, ETF, criptovalute, ecc.) senza possederlo materialmente.

Per vendere allo scoperto è necessario seguire i seguenti 8 passaggi:

  1. Scegliere un broker CFD (nella tabella qui sotto trovate una lista esauriente di broker CFD regolamentati e validi).
  2. Registrarsi gratuitamente.
  3. Fare eventualmente pratica con l’account Demo.
  4. Depositare l’importo minimo stabilito dal broker.
  5. Scegliere in quale CFD investire e quanto investirci.
  6. Cliccare su “VENDI” se si pensa che il CFD scenda di prezzo.
  7. Convalidare l’operazione.
  8. Chiudere l’operazione al momento ritenuto opportuno.
Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: xtb
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Azione Gratuita
  • Corso Gratis
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capex
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Formazione gratuita
  • Consulente personale
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    72,30% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: markets
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Trend dei Traders
  • Sicura e affidabile
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star

    Vendita allo scoperto eToro

    eToro è uno dei broker più utilizzati dagli utenti per lo short selling.

    Come anticipato, quelle delle vendite allo scoperto è una pratica che consente agli utenti di aprire una posizione che aumenterà di valore nel caso in cui il prezzo di un determinato asset diminuisca. Questa operazione finanziaria viene usata quando i mercati sono al ribasso o come strumento di copertura (hedging).

    Sul broker eToro, lo short selling viene effettuato tramite l’utilizzo dei CFD su azioni, ETF, forex, materie prime, indici e criptovalute. Quando si utilizza un contratto per differenza, il broker e l’utente accettano in anticipo i termini e regolano la differenza tra loro alla termine della transazione, senza che gli asset finanziari sottostanti cambino di mano.

    eToro, essendo regolamentato, deve fornire al cliente delle condizioni di mercato che riflettano il mercato reale il più possibile, ragion per cui l’utilizzo di un CFD per la vendita allo scoperto in tali circostanze non comporta un conflitto di interessi.

    Come spiegato, tutto quello che dovrete fare è stabilire in quale CFD investire e cliccare su “VENDI” o in alternativa scegliere quale investitore copiare e replicare così le sue operazioni short con un click (Copy Trading).

    Per quanto riguarda lo short selling non ci sono commissioni di trading fisse ma sarà necessario pagare uno spread, ovvero il differenziale tra i prezzi ACQUISTA e VENDI.

    Sul broker potrete inoltre accedere non solo ai CFD ma anche ad azioni, azioni frazionate, ETF, criptovalute e portafogli d’investimento con un deposito minimo di soli $50.

    Clicca qui per iscriverti a eToro ed accedere alla Demo gratuita

    Vantaggi e svantaggi delle vendite allo scoperto

    La vendita allo scoperto comporta alcuni rischi, ma presenta anche alcuni vantaggi.

    Vantaggi

    • Il venditore allo scoperto è in grado di capitalizzare il ribasso dei mercati senza dover investire grandi somme di denaro in anticipo
    • Le vendite allo scoperto possono essere utilizzate come copertura contro la volatilità del mercato

    Svantaggi

    • Eventi imprevisti potrebbero causare un rapido e inaspettato rialzo del prezzo dell’asset shortato, con conseguenti perdite per i venditori allo scoperto
    • I requisiti di margine associati alle vendite allo scoperto sono in genere più elevati di quelli associati alle normali posizioni lunghe, il che significa che i venditori allo scoperto devono investire più denaro per ogni operazione. Questo può essere un grave svantaggio per i piccoli investitori che non possono permettersi requisiti di margine così elevati
    • Inoltre, i venditori allo scoperto può subire perdite illimitate se l’asset shortato aumenta di valore oltre le aspettative del venditore allo scoperto

    Consob divieto di vendite allo scoperto

    La Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa) è l’organo atto a vigliare i mercati finanziari ed a tutelare gli investitori. In alcune condizioni di mercato ed in alcuni casi, la Consob può vietare la vendita allo scoperto di determinati asset.

    Nello specifico, il 1° Novembre del 2012 è entrato in vigore il Regolamento (UE) N. 236/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio relativo alle vendite allo scoperto.

    Il Regolamento richiede agli utenti che detengono posizioni nette short (PNC) in determinate azioni o titoli di Stato degli obblighi. Il Regolamento vieta di effettuare vendite allo scoperto “nude” su azioni e titoli di Stato italiani, ovvero vendite allo scoperto non assistite dalla disponibilità dei relativi titoli.

    Permette inoltre alle Autorità competenti, come la Consob, di adottare divieti temporanei alle vendite allo scoperto (anche se assistite dal prestito titoli) o alle PNC, se sono soddisfatte determinate condizioni.

    Infine, il Regolamento introduce diverse esenzioni per broker market maker e primary dealer.

    Vendite allo scoperto

    Conclusioni

    In questo articolo abbiamo visto cosa sono le vendite allo scoperto o short selling, e come funzionano attraverso un esempio pratico. Abbiamo poi approfondito il funzionamento dei CFD short (VENDI) sui broker online regolamentati più utilizzati dagli utenti.

    La vendita allo scoperto è un’attività di investimento complessa che richiede una comprensione approfondita delle dinamiche di mercato e dei movimenti di prezzo a breve termine.

    Se da un lato le vendite allo scoperto possono produrre rendimenti sostanziali se effettuate correttamente, dall’altro possono portare a perdite significative per gli investitori che non gestiscono correttamente le loro posizioni.

    Pertanto, i venditori allo scoperto dovrebbero intraprendere questa pratica solo dopo un’attenta valutazione e con strategie di gestione del rischio adeguate. Inoltre, i venditori allo scoperto devono essere consapevoli di tutte le regole o restrizioni normative che si applicano alle loro operazioni.

    Infine, le vendite allo scoperto dovrebbero essere intraprese solo da investitori esperti che abbiano una buona comprensione dei rischi e dei benefici associati a questa pratica.

    Il primo passo per iniziare a fare investimenti sicuri e redditizi anche usando lo short trading, è affidarsi a piattaforme di trading che permettono vendere allo scoperto ed offrono ai principianti strumenti efficaci a supporto della loro attività.

    eToro ad esempio permette sia di copiare da trader esperti con il copy Trading che di iniziare ad operare su conto demo gratuito ed illimitato. In questo modo le vendite allo scoperto possono essere praticate in modo sicuro e senza rischi.

    Clicca qui per iniziare a vendere allo scoperto con eToro

     

    FAQ

    Cos’è la vendita allo scoperto?

    La vendita allo scoperto (o short selling o vendita a nudo) consiste in un’operazione finanziaria di tipo speculativo in cui vengono venduti dal venditore degli asset non realmente posseduti ma presi in prestito dietro il versamento di un corrispettivo in denaro al broker.

    Qual è lo scopo della vendita allo scoperto?

    Questa operazione finanziaria viene usata dagli utenti per ottenere un guadagno quando i mercati sono al ribasso o come strumento di copertura del rischio (hedging).

     

    Click to rate this post!
    [Total: 0 Average: 0]

    Controlla anche

    Alessandro moretti

    Chi è Alessandro Moretti? Formatore e Trader Indipendente

    Pubblicato: 25 Maggio 2023 di GiancarlaAlessandro Moretti è un affermato Trader indipendente e divulgatore finanziario …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *