Tipologie di trading: guida ai 10 tipi di trading più usati

Pubblicato: 27 Gennaio 2023 di Giancarla

Le tipologie di trading sono un sistema di classificazione che organizza i diversi tipi di trader in base al loro approccio individuale all’investimento.

Se prendiamo come riferimento l’orizzonte temporale, esistono generalmente due tipi di trading: a breve e a lungo termine.

In alternativa, il trading può essere classificato a grandi linee in due categorie: tecnico o fondamentale, in base agli strumenti utilizzati per prendere decisioni.

Esistono diversi stili di trading all’interno di ciascuna categoria, ma tutti hanno un obiettivo comune: trarre profitto dall’acquisto e dalla vendita di titoli al momento opportuno.

L’obiettivo di questo articolo è quello di mettere in evidenza i tipi di trading più diffusi e di illustrarvi come capire e utilizzare quello più adatto a voi in base alle vostre esigenze e al vostro livello di esperienza.

La scelta diventa più semplice quando si usa una piattaforma di trading che permetta di testare diversi metodi, in modo da trovare quello che si adatta al proprio stile personale.

In questo LiquidityX offre un enorme supporto: mette a disposizione un corso di trading gratuito in formato eBook, Segnali di trading che facilitano il processo di investimento ed una metatrader intuitiva e personalizzabile disponibile anche in versione demo gratuita.

Clicca qui per accedere gratis alla piattaforma LiquidityX

Quali sono le migliori tipologie di trading disponibili? Ecco la lista dei 10 tipi di trading più utilizzati e cosa comporta ogni approccio:

  1. 🥇 Day Trading: piccole e frequenti operazioni nell’arco della stessa giornata
  2. 🥈 Swing Trading: trading su pochi giorni o settimane
  3. 🥉 Scalping Trading: piccoli movimenti di prezzo su brevi archi temporali
  4. 🏅 Momentum Trading: seguire le tendenze, comprare e vendere in alto
  5. 🏅 Arbitraggio: comprare basso in un mercato e vendere alto in un altro
  6. 🏅 Range trading: comprare e vendere all’interno di un intervallo di prezzi
  7. 🏅 Position trading: trading su periodi di tempo molto lunghi
  8. 🏅 High Frequency Trading: negoziare rapidamente i titoli con la tecnologia
  9. 🏅 Gap trading: capitalizzare su forti variazioni di prezzo
  10. 🏅 Pair trading: negoziazione di coppie di titoli in relazione tra loro

Ogni tipo di trading ha caratteristiche, operazioni, orizzonte temporale e livello di preparazione unici che andremo ad analizzare nel dettaglio.

Day Trading

Il day trading è uno stile di trading a breve termine in cui le posizioni vengono aperte e chiuse nello stesso giorno. Questo tipo di trading richiede un’intensa concentrazione e un processo decisionale molto rapido, in quanto una mossa sbagliata può portare a forti perdite.

Operando con una strategia di day trading, gli investitori cercano tipicamente di aprire e chiudere diverse posizioni nell’arco di una sola giornata di mercato. L’obiettivo è sfruttare i piccoli movimenti di prezzo che spesso si verificano nel corso della giornata.

Ciò può significare acquistare e vendere un titolo più volte o mantenerlo per pochi minuti. Per essere in grado di prendere decisioni rapide gli investitori devono avere una solida conoscenza dell’analisi tecnica per identificare i setup commerciali redditizi

L’orizzonte temporale è quindi particolarmente importante quando si parla di day trading. In genere, gli investitori cercano di trarre vantaggio da movimenti di prezzo a breve termine, quindi devono essere pronti a uscire rapidamente dalle loro posizioni.

In alcuni casi, ciò può richiedere la presenza di stop loss in modo da poter tagliare le perdite se il titolo si muove contro di voi.

La preparazione al day trading, di conseguenza, richiede una notevole concentrazione e conoscenza dei mercati. Chi la adotta come strategia di trading deve anche essere in grado di gestire lo stress che deriva dal trading e di rimanere concentrati sui loro obiettivi di trading.

Tipologie di trading come il day trading si basano sulle conoscenze, le competenze, l’esperienza e la disciplina del trader. Mettere appunto un piano di trading redditizio con questo stile richiede quindi molta pratica e dedizione.

Il primo passo da fare per chi inizia da zero è scegliere subito un corso di trading completo e iniziare a fare pratica su demo sin dall’inizio.

Swing Trading

Lo swing trading è un tipo di trading in cui il trader mantiene la propria posizione per un periodo di tempo che va da pochi giorni a qualche settimana.

Questo tipo di trading è ideale per i trader che cercano un approccio più rilassato rispetto al day trading ma che hanno una maggiore tolleranza al rischio rispetto a un trader di medio-lungo periodo.

La caratteristica che distingue lo swing trading da altri tipi di day trading è l’orizzonte temporale più lungo. Inoltre, a differenza dello scalping o del day trading, gli swing trader non cercano di trarre profitto da piccoli movimenti di prezzo, ma dalle oscillazioni più ampie che si verificano sul mercato.

Poiché gli swing trader mantengono le loro posizioni per un periodo di tempo più lungo, devono essere pronti a sopportare una maggiore volatilità. Inoltre, devono possedere un livello più elevato di conoscenza e comprensione del mercato, nonché migliori capacità di tempismo e di esecuzione.

Gli swing trader devono anche essere in grado di prevedere la direzione del movimento dei prezzi per poter effettuare operazioni redditizie. Devono avere una conoscenza approfondita dell’analisi tecnica e dei grafici, nonché la capacità di individuare i possibili punti di entrata e di uscita

Nel complesso, lo swing trading è più adatto ai trader che preferiscono un approccio più rilassato ma che sono anche disposti a tollerare un rischio maggiore.

Anche in questo caso lo studio e la pratica sono elementi chiave per portare aventi una strategia di trading che ha successo.

Scalping Trading

Lo scalping trading è una forma di day trading in cui il trader cerca di ottenere un profitto sfruttando piccoli movimenti di prezzo in azioni ad alto volume. Il trader entra ed esce dal mercato molto rapidamente, mantenendo le posizioni solo per pochi minuti o secondi.

La chiave del successo dello scalping trading è trovare titoli che si muovono in una direzione prevedibile e che hanno un’elevata liquidità.

Il trader deve anche essere pronto a subire profitti e perdite rapide, poiché in questo tipo di trading c’è poco spazio per gli errori.

I trader che fanno scalping utilizzano una serie di tecniche per determinare quando entrare e uscire dal mercato, tra cui indicatori tecnici, modelli grafici e azione dei prezzi. Utilizzano inoltre diversi tipi di ordini, come gli ordini limit loss e stop loss, per entrare e uscire rapidamente dalle posizioni.

L’orizzonte temporale dello scalping trading è in genere molto breve, da pochi minuti a un paio d’ore. Questo tipo di trading richiede molta preparazione ed esperienza, quindi i trader principianti dovrebbero iniziare con orizzonti temporali più lunghi fino a quando non avranno sviluppato una buona comprensione dei mercati e acquisito rapidità operativa.

Momentum Trading

Il momentum trading è un tipo di trading in cui i trader cercano di trarre profitto dalla continuazione delle tendenze esistenti sul mercato.

Questo tipo di trading si basa sull’idea che un titolo o un mercato che continua a muoversi in una certa direzione, continuerà a farlo finché non cambierà qualcosa. Per questo motivo, i momentum trader cercano tipicamente titoli o mercati che si sono mossi in una direzione forte e cercano di cavalcare la tendenza il più a lungo possibile

Per eseguire un’operazione di momentum, i trader devono innanzitutto identificare il titolo o il mercato che intendono negoziare. Dovranno poi identificare la tendenza e stabilire se è al rialzo o al ribasso.

Una volta determinato ciò, i trader possono iniziare a cercare le opportunità di ingresso nel mercato. I punti di ingresso possono variare a seconda della strategia del trader, ma di solito si verificano quando il titolo o il mercato ha confermato la tendenza e ha iniziato a muoversi nella direzione desiderata.

Le operazioni di momentum si svolgono in genere su un orizzonte temporale più breve rispetto ad altri tipi di operazioni, con la maggior parte delle posizioni che durano da pochi minuti a poche ore.

Questo perché i momentum trader cercano di trarre vantaggio dai movimenti di prezzo a breve termine piuttosto che mantenere le loro posizioni per periodi di tempo più lunghi.

Inoltre, i momentum trader richiedono in genere una preparazione minore rispetto ad altri tipi di trader. La conoscenza dell’analisi tecnica è utile, ma non è essenziale per questo tipo di trading.

Arbitraggio

L’ Arbitraggio o Arbitrage Trading è una tecnica di trading che consente di sfruttare le discrepanze di prezzo tra mercati diversi.

Ad esempio, supponiamo di notare che il prezzo di un’azione su una borsa è più alto che su un’altra. Potreste quindi acquistare il titolo nella borsa più economica e venderlo in quella più costosa. In questo modo si otterrebbe un profitto, indipendentemente dalla direzione in cui si muovono i prezzi delle azioni.

L’arbitrato è possibile perché le diverse borse hanno prezzi diversi per lo stesso titolo. Ciò è dovuto a una serie di fattori, tra cui i costi di transazione, le commissioni e le imposte.

Se in teoria l’arbitraggio può essere redditizio, in pratica può essere difficile da realizzare. L’orizzonte temporale di un’operazione di arbitraggio può essere piuttosto lungo e potrebbe essere necessario un elevato livello di preparazione per identificare e sfruttare le discrepanze di prezzo.

Da un punto di vista operativo, per fare Arbitrage Trading correttamente è necessario avere una conoscenza dei mercati, essere aggiornati sulle notizie e sugli eventi economici e avere accesso a fonti di dati affidabili e sempre aggiornate in tempo reale.

In più è spesso necessario un esborso economico rilevante che parte da un minimo di circa 50.000 euro. Va da se, che non tutti i trader hanno le capacità finanziarie per sfruttare questo tipo di opportunità.

Range trading

Il range trading è un tipo di trading in cui i trader acquistano e vendono attività all’interno di uno specifico intervallo di prezzi.

La chiave del successo del range trading è trovare un asset che sia bloccato in un range di prezzo e che abbia forti livelli di supporto e resistenza. L’intervallo può essere determinato dall’analisi tecnica o fondamentale.

Una volta individuato un asset che si trova in un range di trading, il trader dovrà determinare l’orizzonte temporale. In genere i trader che utilizzano il range trading hanno un orizzonte temporale compreso tra 1 e 4 giorni.

Per operare con successo all’interno di un range, il trader deve essere in grado di identificare quando il prezzo esce dal range e si prepara a una nuova mossa. Deve anche essere in grado di uscire rapidamente dalle sue posizioni se il prezzo si muove contro di lui.

La maggior parte dei trader utilizza l’analisi tecnica per identificare il range e i livelli di supporto e resistenza. Ciò include l’analisi delle linee di tendenza, dei modelli grafici e degli indicatori come le medie mobili o i ritracciamenti di Fibonacci.

È inoltre importante che il trader comprenda i driver fondamentali dell’attività, in modo da poter prendere decisioni informate su quando entrare e uscire dalle posizioni.

Il range trading può essere un modo efficace per trarre vantaggio dai rapidi movimenti dei prezzi sul mercato, ma richiede un elevato livello di preparazione e di disciplina. I trader devono anche essere consapevoli che il range trading può portare a grandi perdite se il trader non sa come gestire correttamente le proprie posizioni.

Position trading

Il position trading è un tipo di trading in cui il trader detiene un titolo per un periodo di tempo prolungato. L’obiettivo è quello di trarre profitto dalle fluttuazioni di prezzo del titolo. Il trader acquista il titolo e lo tiene fino a quando non lo vende a un prezzo più alto.

Questo tipo di trading richiede molta preparazione e ricerca. Il trader deve conoscere bene la società e le condizioni di mercato. Deve inoltre avere una buona conoscenza dell’analisi tecnica e degli strumenti grafici.

I trader di posizione hanno di solito un orizzonte temporale più lungo rispetto ai trader giornalieri. Non si preoccupano tanto dei movimenti di prezzo a breve termine. Cercano titoli che si muoveranno più in alto nell’arco di settimane o mesi.

Il position trading può essere redditizio se il trader è in grado di prevedere correttamente i movimenti futuri dei prezzi delle azioni. Tuttavia, questo tipo di trading comporta rischi maggiori perché il mercato è sempre mutevole e imprevedibile.

Per avere maggiori possibilità di successo il trader deve essere ben preparato deve comprendere i tipi di rischio presenti e adottare le misure appropriate per ridurli al minimo.

I trader di posizione devono monitorare costantemente le loro posizioni ed essere proattivi nell’apportare modifiche quando necessario. Inoltre devono essere consapevoli delle notizie e degli eventi che possono influenzare il prezzo delle azioni.

Con una preparazione e un monitoraggio adeguati, il position trading può essere un modo redditizio per investire sul mercato azionario.

High Frequency Trading

L’High Frequency Trading è un tipo di trading in cui gli ordini vengono piazzati ed eseguiti ad alta velocità. L’obiettivo dell’HFT è quello di capitalizzare le piccole discrepanze di prezzo che possono verificarsi quando i mercati sono a corto di liquidità

Esistono tre tipi principali di strategie HFT: market making, arbitraggio e trading direzionale.

  • Il market making consiste nel quotare i prezzi di acquisto e di vendita per trarre profitto dallo spread denaro-lettera.
  • L’arbitraggio consiste nel trarre vantaggio dalle discrepanze di prezzo tra due o più mercati.
  • Il trading direzionale consiste semplicemente nel cercare di trarre profitto dalla direzione del mercato

Il trading ad alta frequenza richiede una grande potenza in termini di potenza di calcolo e di larghezza di banda dei dati. Inoltre, gli strumenti utilizzati devono essere in grado di eseguire gli ordini in modo rapido e preciso.

Le società HFT utilizzano in genere algoritmi informatici per piazzare ed eseguire gli ordini. Questi algoritmi analizzano dati come i prezzi, gli ordini e i volumi per identificare le opportunità

L’orizzonte temporale per l’HFT è normalmente molto breve, con operazioni che durano in genere pochi secondi o minuti. Ciò significa che i trader devono essere in grado di agire con rapidità e precisione per capitalizzare le opportunità che si presentano.

In conclusione, l’High Frequency Trading è una forma specializzata di trading che richiede un alto livello di abilità, preparazione e potenza di calcolo, quindi non è adatto a tutti.

Anzi possiamo dire che è il tipo di trading meno adatto a chi fa trading per la prima volta o vuole iniziare ad investire con piccole somme.

Gap trading

Il gap trading è un tipo di trading in cui il trader cerca di sfruttare le differenze di prezzo tra titoli simili. L’uso più comune del gap trading è quello di sfruttare la differenza di prezzo tra un titolo quotato e un titolo che viene scambiato.

I Gap trader cercano queste differenze di prezzo e tentano di comprare al ribasso su un titolo e di vendere al rialzo su un altro. Questo questo tipo di trading prevede di solito l’acquisto e la vendita nello stesso giorno o nell’arco di pochi giorni.

Il gap trading è caratterizzato dal fatto che:

  • Il titolo deve avere un’attività sottostante identificata
  • Devono esserci un acquirente e un venditore disposti a comprare
  • Lo scambio deve avvenire al prezzo di mercato o in prossimità di esso

L’orizzonte temporale del gap trading può variare a seconda del titolo da negoziare. I trader a breve termine possono cercare di mantenere le loro posizioni per pochi minuti, mentre quelli a più lungo termine possono mantenere le loro posizioni per diversi giorni o settimane.

Dato che la maggior parte del lavoro viene svolto dai computer si pensa che Il livello di preparazione richiesto per questo tipo di trading è relativamente basso.

In realtà i Gap trader devono avere una conoscenza di come il il prezzo di un titolo può influenzare il prezzo di un altro. Devono inoltre comprendere l’analisi tecnica in modo da poter identificare le potenziali opportunità di trading e agire rapidamente quando si presentano.

Pair trading

Il pair trading è un tipo di trading in cui i trader acquistano e vendono contemporaneamente due diversi tipi di attività per sfruttare le discrepanze di prezzo tra i due asset. Le coppie più comuni sono azioni e materie prime, ma possono includere anche valute, tassi di interesse o qualsiasi altro tipo di titoli.

L’obiettivo del pair trading è trarre profitto dalla discrepanza di prezzo tra i due asset. Ad esempio, se un trader ritiene che le azioni della società A siano sopravvalutate rispetto alle azioni della società B, acquisterà le azioni della società A e venderà le azioni della società B.

Se i prezzi si muovono in direzioni opposte, il trader otterrà un profitto.

Ci sono diversi aspetti da considerare quando si fa pair trading. In primo luogo, è necessario identificare una coppia di attività che presentano una discrepanza di prezzo. In secondo luogo, bisogna essere sicuri di capire perché i prezzi si muovono in direzioni opposte. Infine, è necessario avere un orizzonte temporale e uno stop loss per proteggere i propri profitti.

Il pair trading può essere una strategia redditizia se eseguita correttamente, ma richiede molta ricerca e preparazione. Non è adatto ai principianti e dovrebbe essere tentato solo da trader che hanno esperienza con l’analisi tecnica e le tendenze del mercato.

Tipologie di trading

Come scegliere la tipologia di trading più adatta: guida passo a passo

Ora che la panoramica dei tipi di trading più utilizzati è chiara, vediamo come scegliere lo stile di trading che meglio risponde alle esigenze individuali

Per aiutarvi a fare la scelta giusta, abbiamo creato 7 step per guidarvi attraverso il processo di scelta:

  • Fase 1: Identificare i propri obiettivi di investimento
  • Fase 2: Ricercare i diversi tipi di trading e i loro rischi, vantaggi e svantaggi
  • Fase 3: Scegliere un tipo di trading adatto alla propria situazione finanziaria e al livello di rischio preferito
  • Fase 4: Informarsi sul tipo di trading prescelto leggendo vari libri di trading e articoli sul tema
  • Fase 5: Creare un piano di trading che delinei i vostri obiettivi, la vostra tolleranza al rischio e il vostro orizzonte temporale
  • Fase 6: Aprire un conto di paper trading (demo) per mettere in pratica la propria strategia di trading
  • Fase 7: Monitorare i mercati per identificare le opportunità che si adattano alla vostra strategia

Seguendo questi passaggi, sarete in grado di scegliere il tipo di strategia da adottare che meglio si adatta ai vostri obiettivi di investimento, alla vostra situazione finanziaria e alla vostra tolleranza al rischio.

In conclusione

Esistono diversi tipi di strategie di trading a disposizione dei trader, ognuno con i propri rischi e potenziali profitti. La comprensione dei diversi tipi di strategie di trading può aiutarvi a scegliere quella che meglio si adatta ai vostri obiettivi di investimento e alla vostra tolleranza al rischio.

Con le giuste conoscenze e la giusta preparazione, ogni trader può avere successo nella sua ricerca della libertà finanziaria.

Ogni viaggio però comincia con un singolo passo. Nel caso del trading il primo passo consiste nel dotarsi di una delle migliori piattaforme di trading dove formarsi, fare pratica ed operare in sicurezza e con strumenti accessibili ma anche altamente performanti.

Ad esempio, con LiquidityX potete essere certi che i vostri investimenti saranno in mani sicure, in modo da potervi concentrare su ciò che conta: trovare il tipo di trading migliore per voi.

La piattaforma offre accesso a formazione gratuita di alto livello, tecnologia all’avanguardia e Segnali di trading gratuiti e di qualità superiore per aiutarvi a ottenere un vantaggio sugli altri trader, grazie alle previsioni degli analisti di trading Central.

In più LiquidityX permette di esercitarsi e sperimentare i differenti tipi di trading su un Trading Paper, un conto demo gratuito e illimitato accessibile a chiunque si registri.

Clicca qui per registrarti gratis sulla Metatrader LiquidityX

 

FAQ

Qual è la differenza tra le diverse tipologie di trading?

I diversi tipi di trading variano in termini di strategia utilizzata, orizzonte temporale e livello di preparazione richiesto. Alcune richiedono un’attenta ricerca e pianificazione, mentre altre sono più adatte a trader con buona conoscenza dell’analisi tecnica e delle tendenze di mercato.

Quale tipo di trading scegliere per i miei obiettivi di investimento?

Dipende da quali sono i vostri obiettivi di investimento. I diversi tipi di trading hanno diversi livelli di rischio, quindi è importante valutare la propria situazione finanziaria e la tolleranza al rischio prima di decidere quale tipo di trading è più adatto ai vostri obiettivi.

Quali sono le tipologie di trading meno rischiose?

Alcuni dei tipi di trading meno rischiosi si concentrano sulla conservazione del capitale e hanno tassi di successo più elevati rispetto a strategie più aggressive come il day trading o lo scalping. Tuttavia, ogni tipo di trading comporta i propri rischi e i propri vantaggi.

Come posso prepararmi alle diverse tipologie di trading?

Per prepararsi ai diversi tipi di trading, è necessario familiarizzare con i mercati e capire il tipo di strategia che si vuole perseguire. Magari creando un piano di trading che delinei i vostri obiettivi, la vostra tolleranza al rischio e il vostro orizzonte temporale. Inoltre, è importante fare pratica e sperimentare diversi tipi di trading prima di investire denaro reale.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Controlla anche

corsi trading online gratuiti

Migliori 10 Corsi di Trading Online del 2023

Pubblicato: 2 Febbraio 2023 di InfoIn questa guida vedremo nel dettaglio quali sono i 10 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *