Come investire in Futures: Guida completa al trading 2022

I Futures sono contratti derivati negoziati sui mercati regolamentati. Gli investitori possono negoziare un future per speculare o per coprire (“hedge”) la direzione dei prezzi di un titolo, di una materia prima o di un altro asset finanziario sottostante.

I trader effettuano dunque un accordo legale per comprare o vendere un bene ad un prezzo predeterminato in un determinato momento futuro. Di conseguenza, il trading futures fornisce agli investitori un mezzo veloce e conveniente per accedere ai mercati finanziari, soprattutto quelli degli indici e delle materie prime.

Questi contratti sono nati a metà del XIX secolo per consentire ai coltivatori di grano di vendere il loro grano tramite la consegna a termine e ad oggi sono acquistabili sui broker online specializzati in contratti derivati.

Il broker SquaredFinancial, ad esempio, consente di investire tramite i futures in indici, energia e materie prime con un deposito minimo di soli 250€. 

❓Strumento: Futures
🔍 Dove investire: Broker online
🥇 Broker consigliato: Squared Financial
😀  Adatto a: Trader propensi al rischio
📈 Livello di rischio: Elevato

Futures: Cosa sono?

I futures sono dei contratti a termine negoziabili in Borsa. Un contratto a termine, come suggerisce il nome, è uno strumento finanziario tramite il quale un acquirente e un venditore accettano di negoziare un bene a un prezzo fisso e ad una data futura predeterminati.

Futures: Come funzionano?

I futures possono essere utilizzati per investire in diversi asset ed in genere rappresentano l’alternativa ai contratti spot. I contratti futures sono strumenti molto trasparenti e ammettono la leva finanziaria, di conseguenza sono spesso utilizzati per coprire altri investimenti.

Esattamente come nel caso di tutti i prodotti a margine, le perdite ed i profitti derivanti dalle negoziazioni con leva sono amplificati. Infatti, questi strumenti sono molto semplici da utilizzare ma sono anche molto rischiosi.

La maggior parte di questi contratti non prevede in realtà la consegna fisica del bene ma viene utilizzato dagli investitori per speculare sul prezzo di un asset (azioni, indici, materie prime, valute, crypto ecc.) o per coprire il rischio di portafoglio. La maggior parte di questi contratti sono negoziati tramite exchange centralizzati come il Chicago Board of Trade e il Chicago Mercantile Exchange (CME)

Futures Vantaggi e Svantaggi

I futures presentano vantaggi e svantaggi che approfondiremo in questo paragrafo. In linea di massima, è possibile sostenere che il trading futures è adatto solo agli investitori più propensi al rischio. Coloro che invece sono più avversi al rischio e meno esperti dovrebbero preferire investimenti più sicuri.

  • Diversificazione: Gli investitori possono negoziare futures su qualsiasi asset, dagli indici azionari all’oro, contribuendo così a fornire una buona diversificazione di portafoglio.
  • Leva: Sono strumenti negoziati a margine, questo significa che consentono agli investitori di aprire posizioni più grandi rispetto al loro esborso iniziale. La leva è però una spada a doppio taglio, può portare a guadagni molto elevati ma anche a perdite altrettanto elevate. I trader devono essere consapevoli che possono perdere più del loro margine iniziale quando investono in futures.
  • Prezzi trasparenti: Hanno prezzi unici e trasparenti. Questo perché sono negoziati sui mercati regolamentati.
  • Hedging: Gli investitori possono utilizzarli per proteggere i propri profitti non realizzati e per ridurre al minimo le potenziali perdite. Inoltre, la vasta selezione di prodotti futures disponibili sul mercato permette agli operatori di ottenere una copertura rispetto al mercato generale o settori specifici.
  • Trading After Hours: Consentono agli investitori di investire 24 ore al giorno. I trader possono dunque cercare opportunità di guadagno anche in seguito alla chiusura del mercato.
  • Date di scadenza: La maggior parte dei contratti futures hanno una data di scadenza che gli investitori devono monitorare. Con l’avvicinarsi della scadenza del contratto, il suo prezzo potrebbe dunque perdere rapidamente valore o addirittura diventare inutile. Per contrastare questo evento, gli investitori possono estendere la durata del loro contratto a termine cambiandolo in uno più a lungo termine.

A chi sono adatti i futures? Sono adatti ai trader più propensi al rischio e con possibilità di effettuare ampi volumi di scambio. Dal lato positivo, questi strumenti hanno un prezzo molto trasparente e sono semplici da utilizzare. Dal lato negativo sono meno liquidi, flessibili e accessibili rispetto a contratti come i CFD.

Come investire in Futures sui Broker online

Per investire in contratti futures è necessario:

  1. Scegliere un broker che consenta il trading futures
  2. Registrarsi gratuitamente
  3. Fare pratica con l’account Demo
  4. Depositare l’importo minimo stabilito dal broker
  5. Piazzare l’ordine d’acquisto del future scelto

Come scegliere la piattaforma di trading giusta? Quando si seleziona una piattaforma di trading futures, gli investitori dovrebbero assicurarsi di scegliere un broker intuitivo da usare, con più tipi di ordine per un’ottimale gestione del rischio e con commissioni competitive.

A tal proposito un ottimo broker per investire in futures e CFD è SquaredFinancial. Sul broker potrete usufruire della nota MetaTrader, di corsi di trading gratuiti e di un servizio di Autotrade con cui copiare le operazioni dei trader migliori utilizzando robot di trading algoritmico.

Ecco l’elenco dei futures disponibili su SquaredFinancial:

  • Indici: VIX Futures, Dollar Index Futures, Germany 30 Index Futures, US SPX 500 Index Futures, US Tech 100 Index Futures, US Wall Street 30 Index Futures, Australia 200 Index, EU Stocks 50 Index, France 40 Index, Spain 35 Index, UK 100 Index.
  • Energie: UK Crude Futures, US Crude Futures.
  • Materie prime: US Cocoa Futures, US Cotton No.2 Futures, High Grade Copper Futures, US Coffee C Futures, GOLD Futures, SILVER Futures.

Sviluppare un piano di trading Futures

Come per il trading di azioni o di altre attività finanziarie, è importante che gli investitori sviluppino un piano per il trading dei contratti futures che delinei:

  • Strategie di ingresso
  • Strategie di uscita
  • Regole di gestione del rischio.

Ad esempio, in un piano di trading futures incentrato sull’analisi tecnica, il piano di trading potrebbe prevedere l’utilizzo di un ordine di stop-loss posto il 5% al di sotto del prezzo di ingresso per gestire il rischio di ribasso del contratto future. Dall’altro lato, un piano di trading incentrato sull’analisi fondamentale potrebbe prevedere l’utilizzo di segnali di trading di acquisto o di vendita.

Naturalmente, i trader possono incorporare sia l’analisi tecnica sia l’analisi fondamentale nel loro piano di trading. Sull’Academy del broker SquaredFinancial potrete approfondire meglio questi concetti.

Elementi chiave di un contratto Future

Prima di investire, gli investitori devono avere ben chiari gli elementi chiave dei contratti futures in modo tale da poter determinare la dimensione della posizione e gestire il rischio.

  • Dimensione del contratto: La dimensione del contratto si riferisce all’ammontare dell’asset sottostante che il venditore dovrà consegnare al compratore per ogni contratto future stipulato. Per esempio, il future E-mini S&P 500 vale $50 volte il prezzo dell’indice S&P 500.
  • Valore del contratto: Gli investitori calcolano il valore del contratto semplicemente moltiplicando la dimensione del contratto per il prezzo corrente. Se, ad esempio, un trader detiene un contratto future E-mini S&P 500, e l’indice sottostante è scambiato a $5.000, il valore del contratto è pari a $250.000 ($50 x $5.000).
  • Tick Size: Tick Size è un termine inglese che si riferisce alla variazione di prezzo minimo di un contratto future. In poche parole, è l’importo più piccolo per cui il prezzo di un particolare contratto può variare. Per esempio, l’E-mini S&P 500 ha una tick size pari a un quarto di un punto indice. Nel future E-mini un punto indice è uguale a $50 dunque un tick size equivale a $12.50 ($50/4).

Futures Esempio pratico

Facciamo un esempio pratico di trading future utilizzando sempre il future E-mini S&P 500.

Supponiamo che l’indice S&P 500 abbia recentemente raggiunto un nuovo massimo storico, e che vorremmo aprire una posizione opposta per ottenere profitti su un ritracciamento verso l’area iniziale di breakout intorno a $4.720. Le nostre regole di gestione del denaro stabiliscono di non rischiare più dell’1% del denaro nel conto di trading per un’operazione future. Inoltre, il nostro broker richiede un margine di $12.000.

Pertanto, decidiamo di aprire una posizione corta (short) su un contratto future con uno stop-loss di $25 (o 100 ticks) al di sopra del nostro prezzo di ingresso a $4.720. Supponiamo di stare rischiando $1.250 ($12.50 x tick), dovremmo dunque avere almeno $125.000 nel nostro conto di trading per soddisfare la regola di rischio dell’1% del conto ($1.250 = 1% di $125.000). Idealmente, dovremmo però avere più denaro sul nostro conto per coprire il requisito di 12.000 dollari di margine e per proteggerci dalle chiamate di margine nel caso in cui il prezzo dello S&P 500 dovesse muoversi contro di noi.

Dovremmo dunque effettuare un ordine take-profit nell’area iniziale di breakout a $ 4.720 (264 ticks) o a $ 66 al di sotto del nostro prezzo di ingresso. Se il mercato si dovesse muovere a nostro favore otterremmo un profitto di $3.300 ($ 12,50 x 264). Al contrario, otterremmo una perdita di $1.250.

La seguente negoziazione offre dunque un rapporto rischio/ricompensa favorevole di 1:2.64 ($1.250 di rischio contro $3.300 di ricompensa).

Conclusioni

Nel corso del seguente articolo abbiamo visto che gli investitori possono negoziare i futures per speculare o per coprire la direzione dei prezzi di un asset sottostante. Nello specifico è uno strumento finanziario attraverso il quale un acquirente e un venditore accettano di negoziare un’attività ad un prezzo fisso e ad una data futura. I principali mercati in cui è possibile investire tramite questi contratti sono gli indici azionari, l’energia, le materie prime, le valute, le criptovalute e i tassi di interesse.

I principali vantaggi di un future includono l’accesso alla leva finanziaria, la diversificazione e la copertura, ma dal lato negativo sono strumenti molto rischiosi e poco flessibili. Per queste ragioni, una piattaforma di trading futures dovrebbe essere facile da usare, con diversi strumenti per coprire il rischio e con commissioni competitive.

FAQ

Cosa sono i futures?

Sono dei contratti a termine negoziabili in Borsa. Un contratto a termine, come suggerisce il nome, è uno strumento finanziario tramite il quale un acquirente e un venditore accettano di negoziare un bene a un prezzo fisso e ad una data futura predeterminati.

Come funzionano i futures?

I futures possono essere utilizzati per investire in diversi asset ed in genere rappresentano l’alternativa ai contratti spot. I contratti futures sono strumenti molto trasparenti e ammettono la leva finanziaria, di conseguenza sono spesso utilizzati per coprire altri investimenti.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Controlla anche

Come investire in ETF: Guida completa per principianti 2022

Investire in ETF è la cosa migliore che un investitore alle prime armi possa fare. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.