Come investire in CFD: Guida pratica per principianti

Ecco una guida, adatta ai principianti, per scoprire come investire in CFD, acronimo di “Contract For Difference”.

Cosa sono i CFD? I Contratti Per Differenza sono strumenti finanziari derivati che replicano il prezzo dell’asset sottostante (azioni, criptovalute, indici ecc.). Potrete guadagnare sia se il prezzo dell’asset sottostante scende sia se il prezzo sale ma a patto di fare la corretta previsione sull’andamento futuro del prezzo.

Questi strumenti sono molto economici e flessibili ma sono anche molto rischiosi se usati nel modo sbagliato. Una buona regola, se si è avversi al rischio, è quella di investire nei CFD senza utilizzare la LEVA, strumento che amplifica i guadagni ma anche le perdite, e di non investire nei CFD più del 2% del budget.

Fatta questa premessa, ecco qui i 6 passi per investire in CFD sulle migliori piattaforme di trading online:

🥇Come investire in CFD in 6 passaggi  
1. Scegliere un mercato Decidi su quale mercato vuoi investire
2. Decidere se acquistare (andare LONG) o vendere (andare SHORT) Clicca su ‘Compra’ se pensi che il prezzo aumenterà di valore o su ‘Vendi’ se pensi che il mercato scenderà di valore
3. Stabilisci la dimensione della tua posizione Scegli il numero di CFD che vuoi scambiare. 1 CFD è l’equivalente di 1 azione fisica negli scambi azionari
4. Aggiungere “Stop Loss” e “Limit Order” Uno stop loss è un comando per chiudere la posizione ad un certo prezzo contrario
5. Monitorare gli investimenti Una volta che avete disposto il vostro investimento, vedrete il vostro aggiornamento di profit/loss in tempo reale
6. Chiudere la posizione Puoi uscire dal tuo investimento cliccando sul pulsante ‘Chiudi’

Come investire in CFD

Nel corso dell’articolo vedremo quali sono queste piattaforme. Il broker  eToro, ad esempio, consente addirittura di copiare in modo automatico gli investimenti in CFD degli investitori professionisti.

Come investire in CFD

Scegliere un mercato

La prima cosa da fare quando si investe in CFD è quella di scegliere un mercato. Il broker eToro, ad esempio, consente di investire tramite i CFD nei seguenti mercati:

  • Azioni
  • Indici
  • Valute
  • Materie prime
  • ETF
  • Criptovalute

Consentendo così l’esposizione immediata ai principali mercati globali tra cui Stati Uniti, Europa, Regno Unito, Asia, Australia e Nuova Zelanda.

Con così tanta scelta, è importante trovare un’opportunità di trading che sia adatta a voi ed alle vostre esigenze. Se siete propensi al rischio potreste concentrarvi di più sui CFD delle azioni e delle criptovalute mentre se siete avversi al rischio potreste preferire i CFD degli ETF.

Decidere se acquistare (andare LONG) o vendere (andare SHORT)

Una volta scelto il mercato, è necessario conoscere il prezzo corrente dell’asset sottostante. Vi basterà digitare il nome dell’asset (ad esempio le azioni Amazon) all’interno della barra di ricerca del broker.

I mercati CFD hanno due prezzi. Il primo prezzo quotato, è il prezzo di vendita (BID), e il secondo prezzo è il prezzo di acquisto (ASK). La differenza tra i due è nota come spread.

Il prezzo del tuo CFD si basa sul prezzo dello strumento sottostante. Se credete che un prezzo di mercato salirà, dovrete cliccare su “COMPRA” (andare LONG), se credete che scenderà, dovrete cliccare su “VENDI” (andando SHORT).

Potrete poi chiudere la posizione quando desiderate, il guadagno (o la perdita) corrisponderà alla differenza di prezzo tra l’apertura e la chiusura della posizione.

Stabilisci la dimensione della tua posizione

Come terzo step dovrai stabilire il numero di CFD che desideri scambiare.

Con le negoziazioni azionarie, 1 CFD equivale ad 1 azione. Con gli indici, le materie prime e gli ETF il valore di 1 CFD varia a seconda dello strumento. Puoi vedere su quale quantità stai facendo trading guardando il ‘valore tick’ nei fogli informativi dello strumento. I CFD sono negoziati nella valuta di base del mercato.

Il trading CFD è un prodotto a leva, il che significa che è necessario possedere nel proprio conto solo una piccola percentuale del valore commerciale complessivo dell’asset, valore noto come margine. In generale, maggiore è il valore della vostra transazione, maggiore è il margine richiesto.

È importante disporre di fondi sufficienti nel conto per aprire la posizione. Il calcolatore dei margini della piattaforma di trading calcolerà automaticamente il margine iniziale.

La leva, come anticipato, amplificherà perdite e guadagni. Di conseguenza è uno strumento da utilizzare con estrema cautela.

Aggiungere “Stop Loss” e “Limit Order”

Prima di aprire la vostra posizione, è molto importante considerare la vostra strategia di gestione del rischio.

Una tecnica chiave di gestione del rischio è quella di effettuare un ordine con uno “stop loss“, lo stop loss chiuderà automaticamente la transazione se il mercato raggiungerà un certo livello.
Un ordine con stop loss è dunque un comando che permette alla piattaforma di chiudere la tua posizione aperta una volta raggiunto un livello specifico da te impostato. Questo, come suggerisce il nome, servirà a ridurre al minimo le perdite se il mercato dovesse andare nel senso opposto a quello sperato.

Un “limit order” è invece un comando per chiudere una transazione ad un prezzo migliore dell’attuale livello di mercato. È usato per contribuire a bloccare gli obiettivi di profitto.

Lo stop loss ed il limit order sono liberi e si possono aggiungere anche dopo aver aperto una posizione.

Monitorare gli investimenti

Dopo aver aperto la vostra posizione, dovrete controllare l’andamento del prezzo dell’asset, su cui avete investito tramite i CFD.

I broker mettono a disposizione strumenti davvero utilissimi per monitorare l’andamento del mercato, come ad esempio i segnali di trading di XTB ed il social trading di eToro.

Tramite le piattaforme di trading potrai monitorare i prezzi di mercato, vedere profitti/perdite in tempo reale, aggiungere nuovi investimenti o chiudere quelli esistenti. Il tutto dal tuo computer o utilizzando un’ app di trading sul tuo smartphone o tablet.

Chiudere la posizione

Una volta che sei pronto a chiudere la tua posizione, devi fare l’investimento opposto all’investimento di apertura o selezionare l’opzione ‘Chiudi posizione’ all’interno della finestra delle posizioni del broker.

Chiudendo la posizione, realizzerete un profitto o una perdita netti che immediatamente si rifletteranno nel saldo del vostro conto.

Questo vale se il vostro stop loss o limit order non è stato attivato.

Come investire in CFD esempio pratico

Facciamo un esempio pratico per comprendere meglio come funzionano i CFD. Mettiamo ad esempio, di voler investire in 5 azioni Facebook. L’azione Facebook è attualmente in negoziazione a $326, di conseguenza il valore della posizione sarà pari a $326×5=$1.630.

Voi pensate che a causa dei dati finanziari e del modello di business promettenti, le azioni Facebook aumentino di valore in futuro. Di conseguenza decidete di andare LONG e dunque di cliccare su COMPRA.

Mettiamo che lo spread sia pari a $326.0/326.5= 0.05. La piattaforma di trading calcolerà in automatico il margine necessario per aprire la posizione.

Da adesso il tuo obiettivo è che il prezzo delle azioni Facebook aumenti al di sopra del prezzo di acquisto pari a $326.

Ricorda, più alto è il valore della transazione e più denaro sarà necessario depositare. Si dovrebbe sempre fare in modo di avere abbastanza capitale libero sul conto, per sostenere eventuali perdite.

È importante notare che qualsiasi requisito di margine, di finanziamento e qualsiasi utile/perdita non realizzato saranno nella valuta di base del mercato selezionato, in questo caso dollari USA. Una volta che la posizione è chiusa, l’utile/perdita si rifletterà nel tuo conto in base alla tua valuta (in questo caso euro).

Mettiamo che il prezzo delle azioni Facebook aumenti a $340 e voi vogliate vendere per ottenere un profitto. Otterrete un guadagno lordo pari a $1.700-$1.630=$70.

Al guadagno lordo verrà poi sottratto lo spread e le altre spese applicate dal broker, per questa ragione è importante scegliere un broker che applichi bassi costi di gestione.

Vediamo nel prossimo paragrafo quali sono i migliori broker per investire in CFD.

Broker CFD

Ecco qui in tabella quelli che secondo noi sono i migliori broker CFD:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 50€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Quello che dovrete fare per investire in CFD su queste piattaforme è semplicemente:

    1. Registrarvi gratuitamente
    2. Fare pratica con la demo gratuita
    3. Depositare l‘importo minimo previsto dalla piattaforma
    4. Seguire i 6 passaggi descritti nel nostro articolo

    Come anticipato, il broker eToro consente di copiare in modo automatico gli investimenti dei trader più performanti. Oltre a ciò, ha costi davvero bassissimi e consente di investire anche in altri asset (cosa molto importante per la diversificazione): azioni, ETF e criptovalute.

    Ti suggeriamo di provare la Demo gratuita del broker, se non ti trovi bene puoi sempre abbandonare la piattaforma:

    Clicca qui per scaricare la Demo gratuita di eToro

    Altre opzioni di investimento

    Azioni Le azioni sono investimenti nel successo futuro di una società. Quando si investe nelle azioni di un’azienda, si ottiene profitto se la società ottiene profitto.
    Obbligazioni Proprio come il prestito di denaro è parte della vita di ogni giorno per la maggior parte delle persone, anche le aziende e i comuni prendono in prestito denaro utilizzando obbligazioni.
    ETF Gli ETF sono dei fondi comuni d’investimento a gestione passiva, sono molto simili ai titoli azionari.
    Indici Gli indici sono la sintesi del valore di un paniere di azioni, possono aiutare a bilanciare il vostro portafoglio.
    CFD I CFD sono strumenti che replicano l’andamento dell’asset sottostante. 

    Come investire in CFD: Conclusioni

    Eccoci giunti alle conclusioni del nostro articolo su come investire in CFD. Abbiamo visto:

    • Cosa sono i CFD
    • I 6 passaggi da seguire per investire in CFD
    • Un esempio pratico
    • I migliori broker CFD
    • Alternative ai CFD per diversificare il portafoglio

    Ti ricordiamo infatti che è sempre una buona regola avere un portafoglio diversificato in base alla propria propensione al rischio ed alle proprie caratteristiche individuali.

    Cosa sono i CFD?

    I Contratti Per Differenza sono strumenti finanziari derivati che replicano il prezzo dell’asset sottostante (azioni, criptovalute, indici ecc.). Potrete guadagnare sia se il prezzo dell’asset sottostante scende sia se il prezzo sale ma a patto di fare la corretta previsione sull’andamento futuro del prezzo.

    Come investire in CFD?

    Per investire in CFD dovrai registrarti ad una piattaforma di trading online, come ad esempio eToro, e seguire i 6 passaggi indicati nel nostro articolo. Abbiamo riportato anche un esempio pratico.

    Click to rate this post!
    [Total: 0 Average: 0]

    Di Giulia

    Controlla anche

    Come investire in ETF: Guida completa per principianti

    Come investire in ETF? Gli Exchange-traded funds, o ETF, sono un sistema per iniziare ad investire. …

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *